Macerata

Come gestire male una situazione

il Comunicato Stampa di Prima le Persone

L’Associazione Prima le Persone esprime sconcerto per la richiesta del Sindaco di Macerata di sospendere la manifestazione antifascista, per la scelta di ANPI, ARCI, CGIL e Libera di adeguarsi prontamente, e per la decisione del Prefetto che addirittura proibisce di manifestare. Se l’intento era quello di calmare le acque ed evitare ulteriori manifestazioni di  violenza non si poteva fare una sequenza di scelte peggiori di questa.

L’antifascismo non si risolve certo in una manifestazione, ma si riconosce in atteggiamenti e scelte che, pur condannando la violenza, lasciano piena libertà di espressione. Non possiamo sapere cosa accadrà sabato, se ci sarà comunque la manifestazione, chi parteciperà, quante persone parteciperanno, come andranno le cose, ma sappiamo da che parte stare.

Noi stiamo dalla parte di chi combatte la violenza delle armi e delle parole, di chi cerca soluzioni ai problemi anziché amplificarli per farne propaganda politica, per questo saremo dalla parte di chi, sabato 10, deciderà di essere comunque a Macerata per affermare il proprio diritto a manifestare, pacificamente, contro la politica dell’odio, dei respingimenti, della repressione, mascherata da decoro urbano.   

Assemblea Permanente Prima le Persone - L'Altra Liguria


Lettera aperta al Sindaco di Macerata

Comitato Madri per Roma Città Aperta

La bella e toccante lettera della mamma di Renato Biagetti,  assassinato il 26 agosto 2006, a soli 26 anni, da due giovanissimi fascisti.

LEGGI


Acqua, diritto alla vita

Mentre si prepara la "Carovana dell'Acqua, che partirà da Savona il 13 febbraio, pubblichiamo la lettera di Alex Zanotelli

20 gennaio 2018


A fianco dei movimenti brasiliani per la democrazia e per Lula

Comunicato di Sinistra Europea Genova

24 gennaio 2018


Relazione commissione ecomafie su incendi negli impianti

Incendi negli impianti di smaltimento rifiuti: il 20% è doloso - La maggior parte dei roghi è avvenuta al nord

23 gennaio 2018


Brasile

Le elezioni senza Lula sono una frode

22 gennaio 2018


Accogliere

Un articolo di Guido Viale pubblicato su Il Manifesto

19 gennaio 2018

Accogliere è una parola che viene dal latino: ad-cum-ligare, legare insieme. Ma più che cercare il suo significato nel passato, dobbiamo costruirne uno nuovo, adatto ai tempi in cui viviamo, ai problemi con cui ci confrontiamo, alle persone che oggi sono al centro dello scontro politico e sociale: i profughi.

LEGGI


Perchè abbiamo aderito a Potere al Popolo

15 gennaio 2018

TUTTI I PERCHE'DELLA NOSTRA SCELTA

Perché abbiamo deciso di sostenere Potere al Popolo?

Dopo aver partecipato a vari tentativi unitari a sinistra, ultimo il Brancaccio, abbiamo capito che solo con una forza popolare, capace di parlare ai giovani, ai disoccupati, ai senza diritti, ai precari, agli ultimi della nostra società, si poteva sperare di costruire un'aggregazione capace di mettere in discussione l’esistente. Tutto questo l’abbiamo trovato in Potere al Popolo.

Quali sono i punti di forza?

Sicuramente la presenza di tanti militanti di diverse generazioni che si confrontano nella pluralità di idee, di radice saldamente comunista e socialista, con la consapevolezza che il nemico da combattere è uno solo: il neoliberismo, che genera diseguaglianze, ed il predominio della finanza sulle persone.

Quale contributo programmatico vogliamo portare dentro Potere al Popolo? 

Il programma è frutto del lavoro di oltre cento assemblee che si sono svolte in tutta Italia, noi puntiamo sulla conversione ecologica dell’economia e sull’implementazione di un metodo di lavoro ed organizzativo democratico, capace di dare a tutti la possibilità di essere protagonisti: una testa, un’idea, un voto.

Abbiamo solo certezze?

Certamente no, ci rendiamo conto delle difficoltà di un movimento che raccoglie anche soggetti politici che hanno divergenze tra di loro.

Dei limiti metodologici di un lavoro che ha scelto di rispondere in tempi molto stretti ai deliri burocratici di una legge elettorale disegnata per tenere fuori chiunque non sieda già in parlamento o non abbia politici in grado di regalare il proprio simbolo.

Delle enormi difficoltà che avremo per ottenere un minimo di attenzione da parte dei media.

Tuttavia, pensiamo che Potere al Popolo rappresenti l’unica vera novità, una ventata di aria fresca nel clima stantio della politica attuale. Una novità che può e deve andare oltre il 4 marzo, e questo è il nostro principale obiettivo.


Petizione al/alla Presidente della Camera

Applicazione legge Seveso alle tubature che portano materiali pericolosi per l'ambiente

Promossa da L'Altra Liguria

Sostenuta da: Comitato spontaneo cittadini di Borzoli e Fegino, Comitato Liberi Cittadini di Certosa, Azione Civile, Alternativa Libera Genova, Prima le Persone, PRC Federazione di Genova, Movimento NoTRIV, Forum Salviamo il Paesaggio

PER FIRMARE CLICCA QUA

PER SCARICARE MODULI E MATERIALE INFORMATIVO PER ORGANIZZARE LA RACCOLTA QUA