Comunicato stampa

Crocefissi e calci ai mendicanti

7 dicembre 2017

“Simbolo universale dei valori di libertà, uguaglianza e tolleranza”, questa la motivazione con cui la giunta di centrodestra della Regione Liguria, ha deciso di esporre il crocefisso in aula consiliare, dimenticando che Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine indipendenti e sovrani, come recita l’Art. 7 della Costituzione. Lo stato dunque è laico, e laiche devono essere le istituzioni che lo rappresentano sul territorio,forse sarebbe utile ricordarlo anche alle opposizioni che sul voto si sono astenute.

Questa sterile esposizione di simboli, che richiamerebbero i valori della cristianità, non impediscono però alla giunta comunale, sempre di centrodestra, di decidere, su iniziativa dell’assessore Garassino, di schedare i mendicanti, un provvedimento che di carità cristiana non ha davvero nulla. La giustificazione é che si tratterebbe di un’informativa utile per il Prefetto che potrà così verificare se tra i nominativi vi siano richiedenti asilo. In realtà sembra un metodo vagamente intimidatorio per controllare il territorio, soprattutto ricordando che lo stesso assessore aveva minacciato di prendere a calci i ragazzi ospitati nel, purtroppo famoso, asilo di Multedo se li avesse sorpresi a mendicare. 

Inserendo questa triste pagina nel periodo pre natalizio, c’è da chiedersi dove finiscano la pietà e la misericordia di tradizione cristiana che queste giunte utilizzano come bandiera, il dubbio che sia solo ipocrisia è piuttosto forte.  Quello della schedatura dei mendicanti è infatti un provvedimento inaccettabile, che colpisce i poveri cacciandoli sempre più nella clandestinità e nell’emarginazione, tipico esempio della politica dello scarto contro cui si scaglia spesso Papa Francesco, massima espressione della cristianità. Certamente tra i tripudi di luci, tappeti rossi e lucidature di facciata,  i poveri, magari immigrati, che chiedono ospitalità, un aiuto e un po’ di umanità potrebbero sporcare e rovinare il clima festaiolo, e il fatto che la festa natalizia celebri la nascita in terra straniera di un povero rifugiato, fuggito da violenze e persecuzioni non sembra turbare il sonno a questi difensori della cristianità. Nascesse oggi Gesù non avrebbe neanche diritto alla cittadinanza. Non c’è che dire, un bel modo per ricordare le tradizioni cristiane.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami