fbpx

Comunicato Stampa

Sgombero Utopia – Ce lo aspettavamo!

13 ottobre 2018

Quando legalità diventa giustizialismo, decoro diventa una parola per liberarsi di poveri e del libero pensiero, il risultato è che non si fanno differenze, si colpisce ciecamente, ed a pagare alla fine sono i più deboli. Così, a causa di un uso generico e ideologico del concetto di legalità, le occupazioni diventano tutte sbagliate, ma mentre quelle mafiose sono difficili da stanare, e spesso coinvolgono interessi che non devono emergere, quelle delle case (vuote) da parte di famiglie in difficoltà, e di spazi (vuoti) da parte di centri sociali che li strappano a degrado e abbandono, sono le uniche ad essere colpite.

Così ora toccherà al centro sociale Utopia, che in un edificio abbandonato ed inquinato, e da loro bonificato, ha fatto nascere un luogo di socialità e confronto aperto a tutti. Hanno fatto del male? Disturbato? Distrutto? No, ma secondo i giustizialisti è meglio una casa da gioco con i vetri oscurati e dentro un umanità del tutto alienata (proprio di fronte ad Utopia) che un luogo in cui si fa aggregazione, perché li, si sa circola il pensiero libero.

Bisognerebbe che gli abitanti di Pegli e Multedo alzassero la testa e capissero che il degrado non sta ad Utopia ma dall’altro lato della strada, in depositi e attività produttive pericolose ed inquinanti in mezzo alle case, in terreni inquinati e abbandonati in attesa dello speculatore di turno (che arriverà concordando bonifiche che saranno pagate dall’intera comunità), nella mancanza di lavoro e di luoghi di incontro che non siano commerciali.

Sappiamo che non accadrà, ma noi siamo caparbiamente e convintamente Solidali con gli amici dello Spazio Libero Utopia.

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami