Comunicato Stampa

Sì all’accoglienza, No al  degrado delle periferie

Accoglienza migranti a Multedo

15 ottobre 2017

E’ di questi giorni la diffusione di un volantino, privo di firma, che chiama a raccolta i genovesi  per una fiaccolata che si terrebbe il 17 ottobre, non per celebrare la giornata mondiale contro la povertà, ma per protestare contro l’arrivo di 50 giovani immigrati che da quella povertà cercano di fuggire.

Il volantino mescola, in maniera abbastanza confusa, i tanti problemi del quartiere di Multedo con la preoccupazione per l’arrivo degli immigrati che dovrebbero essere ospitati in un asilo di proprietà della chiesa chiuso da tempo. 

Le difficoltà che vive quotidianamente il quartiere sono dovuti alla presenza dei depositi della Carmagnani e della Supetba, alla vicinanza con il porto Petroli, all’autostrada che passa sotto le finestre di alcune case ed allo svincolo su cui spesso transitano TIR decisamente sovradimensionati per una strada che è stretta e tortuosa. Su queste problematiche siamo sì solidali con la popolazione, e ci saremo se vorranno inscenare proteste per chiedere lo spostamento dei depositi affinché l’area diventi un parco cittadino che mitighi gli effetti dell’inquinamento, impedire l’allargamento del porto petroli, vietare il transito ai mega TIR. Tuttavia, riteniamo sbagliato dirigere la protesta contro un gruppo di ragazzi in fuga da paesi in cui subiscono guerre, violenze e disastri ambientali causati da quegli stessi attori che impediscono al potere politico di intervenire sulle problematiche denunciate.

Ci dissociamo pertanto da quella parte di città che dice NO ai migranti ma resta indifferente quando si tratta di lottare contro le povertà e le guerre e per una società più equa, l’unica che potrebbe fermare l’esodo di intere popolazioni.

Noi facciamo parte della città che dice Sì all’accoglienza di persone la cui unica colpa è quella di cercare un futuro migliore.

 

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami