BENTORNATA ACQUASOLA!

Festa sabato 11 aprile 2015 - ore 15

 

Dopo anni di battaglie politiche e giudiziarie da parte dell'Associazione Comitato Acquasola e di altre associazioni ambientaliste, l'amministrazione comunale ha revocato la licenza per la realizzazione del parcheggio sotto al giardino storico, restituendo però ai Genovesi il parco in uno stato di degrado pietoso. Noi riteniamo che questa fase non sia da considerarsi un punto di arrivo ma un punto di partenza, per restituire ai Genovesi un'area storica da godere, vivere, utilizzare: noi avremmo qualche proposta in proposito ma... inascoltata. Per questo abbiamo pensato a un momento di festa e riflessione.

 

IL RUOLO DEI COMITATI E DEI CITTADINI NELL'ASSENZA DELLA POLITICA: i vari comitati di cittadini e le associazioni presenti nella nostra città stanno dimostrando grande capacità propositiva - capacità ignorata e resa vana dall'inerzia e dalla sordità dei politici genovesi. COSA POSSIAMO FARE TUTTI INSIEME? Vi invitiamo a parlarne insieme a noi, raccontando anche le vostre esperienze alla festa BENTORNATA ACQUASOLA! 

Associazione Comitato Acquasola

per informazioni: acquasolagenova@googlegroups.com 


COMUNICATO STAMPA 

2 Aprile 2015 -  L'Altra Liguria è presente a fianco dei lavoratori con una propria rappresentanza-

 

La vicenda che coinvolge i lavoratori di Fincantieri -azienda statale- è significativa di un sistema in cui i diritti dei lavoratori vengono calpestati, con la complicità dei governi, per favorire il profitto di pochi; pochi che mai pagano e semmai vengono premiati con nuovi incarichi quando conducono le aziende verso il baratro.

 

L’abrogazione del contratto integrativo, che comporterà una perdita in termini economici su salari, che non sono certo da nababbi, è solo l’ultima vergognosa scelta di un’amministrazione aziendale che da anni diminuisce progressivamente carichi di lavoro e commesse, e spacchetta porzioni di azienda per immetterle più facilmente sul mercato.

 

L’Altra Liguria è vicina ai lavoratori in questo momento difficile, e domani una sua rappresentanza sarà presente a fianco dei lavoratori in sciopero a Riva Trigoso. L'Altra Liguria esprime la propria solidarietà: ribadendo un pieno sostegno alle loro lotte. 

 

#primaillavoro #primaidiritti



COMUNICATO STAMPA

 

Genova, 31 marzo 2015

Il ritiro di Giorgio Pagano avrebbe permesso a Luca Pastorino e a Rete a Sinistra di riprendere il discorso unitario per garantire una presenza politica, alternativa al centro sinistra e al centro destra, che sapesse parlare sia ai partiti che alla società civile.

Prendiamo atto che quel gesto generoso e responsabile non è stato colto.

La candidatura di Luca Pastorino è estranea ai movimenti sociali e crea una rottura tra movimenti civici e formazioni politiche, che, invece, dovrebbero integrarsi attraverso un confronto basato sul rispetto reciproco.

Si tratta di un'operazione politicista, costruita a livello nazionale al fine di creare un'aggregazione (dei democratici e della sinistra) che, prendendo spunto dallo spostamento al centro del PD, costruisca un nuovo centro sinistra, ritornando all'origine del Pd (come ha scritto brillantemente qualche promotore di questa formazione).

Operazione, ovviamente legittima, che non ha niente a che fare con la costruzione di un’alternativa radicale come quelle realizzate in Grecia con Syriza, in Spagna con Podemos e in America Latina con molti governi altermondialisti.

Essendo ormai tramontata ogni possibilità di ripensamento da parte di Luca Pastorino abbiamo iniziato a valutare, insieme a Verdi e movimenti civici la possibilità di organizzare una presenza autonoma alle elezioni regionali che si rivolga a tutto il mondo del civismo politico, dell'astensionismo consapevole, dei movimenti No Grandi Opere, ed a tutta quella cittadinanza attiva che si batte contro le privatizzazioni, per la tutela del lavoro e del territorio, contro il precariato e le povertà, per la pace e la giustizia sociale.

 

Le nostre scelte saranno pubblicamente comunicate attraverso un’assemblea regionale o assemblee provinciali che organizzeremo subito dopo le vacanze pasquali.


COMUNICATO STAMPA - L’ALTRA LIGURIA

26 Marzo 2015

Abbiamo proposto un percorso autonomo ed indipendente, di persone, che desse nuovo senso all’agire politico, in questo percorso abbiamo incontrato molti attivisti e semplici cittadini ed abbiamo avviato l'elaborazione di un programma politico articolato e puntuale.

Quando le forze politiche, uscite sconfitte dalle primarie del PD, hanno annunciato di voler costruire un’alternativa elettorale per le prossime elezioni regionali, pur con diffidenze che non nascondiamo, ci siamo confrontati per capire se ci fossero le condizioni per un’azione unitaria a partire dall'elaborazione programmatica, dalla sperimentazione di pratiche inclusive e partecipate, e da una chiara collocazione di alternativa al centrosinistra.

Dopo settimane di discussioni e vari rinvii quel tavolo, dopo aver prima sostenuto a maggioranza e poi respinto (3 giorni dopo), con motivazioni del tutto pretestuose, la candidatura di Giorgio Pagano, Rete a Sinistra ha proposto ed imposto la candidatura di Luca Pastorino, mostrando poca affidabilità, ed intraprendendo una deriva irreversibile verso un accordo elettorale fra sigle partitiche completamente staccato dalla realtà sociale.

 

Noi crediamo che in questo modo si stia sprecando una grande occasione.

La bocciatura della candidatura di Pagano ha evidenziato l’assoluta incapacità di attivare una connessione tra sociale e politico, connessione che non puo’ basarsi solo sulla necessità di battere Raffaella Paita. E’ indubbio che ci sia una diffusa voglia di innovazione nel nostro corpo sociale di riferimento, ma riteniamo che la proposta politico/elettorale maturata al tavolo di Rete a Sinistra non sia assolutamente capace di intercettarla.

Giorgio Pagano, sottoposto al fuoco incrociato di veti e pressioni di tutti i tipi, oggi ha rinunciato a candidarsi, noi comprendiamo la sua scelta e lo ringraziamo per aver comunque tentato questa avventura, accettando di buon grado la sua disponibilità a collaborare per la costruzione di una futura coalizione sociale.

 

L’Altra Liguria si dichiara da subito indisponibile a qualunque ipotesi di trattativa con la lista capeggiata dall'Onorevole e Sindaco Luca Pastorino, ritenendo che la proposta messa in campo sia incompatibile con il proprio percorso e le proprie aspettative, e valuterà nei prossimi giorni le modalità di prosecuzione del proprio progetto.


Comunicato Stampa

Giorgio Pagano

26 Marzo 2015

 

In queste settimane ho lavorato, insieme a molti amici, al progetto di una “coalizione civile, sociale e popolare”, alternativa al sistema dominante in Liguria. Un progetto capace di guardare a sinistra ma non solo, perché vuole mobilitare le coscienze e le passioni civiche di tutte le persone ammutolite di fronte a consuetudini stratificate di malaffare, mediocrità politica, assenza di visione, danni costanti alla cosa pubblica e al territorio. La forza di questo progetto è tutta nella capacità di coinvolgere e aggregare dal basso, di creare fiducia non solo attraverso iniziative e vertenze politiche ma anche e soprattutto attraverso pratiche solidali e mutualistiche capaci di dare risposte concrete ai bisogni delle persone.

Ho cercato fino all’ultimo l’alleanza, in vista delle elezioni regionali, con i piccoli partiti della sinistra, ma il tentativo è stato reso impossibile da una operazione politica vecchia e stantia, organizzata da minoranze partitiche che contano sempre meno, non hanno una reale visione alternativa e si rifugiano da tempo in una cultura minoritaria e perdente che parla a pochissimi e allontana le tante persone disamorate dalla politica per colpa di questa politica. Non rinnego il tentativo, che andava fatto: ma l’esito è stato fallimentare, e le responsabilità politiche sono evidenti.  Non esistono dunque le condizioni perché io possa accettare la proposta che mi è stata fatta dal candidato a Presidente e dai dirigenti nazionali dei piccoli partiti di aderire a questa operazione assumendo il ruolo di capolista.

In questi giorni ho discusso a lungo con gli amici che mi hanno proposto e sostenuto. E’ cresciuto il consenso attorno a noi, forte era ed è la spinta a presentare una lista civica alle elezioni. Ma ho voluto ancora una volta compiere un atto di responsabilità, l’ultimo: ho deciso di ritirare la candidatura. L’ho fatto nel nome della lotta alle frammentazioni e alle divisioni, un sentimento da molti condiviso, di cui mi sono fatto carico.

Spero che questo atto possa ancora far riflettere sulla mia proposta, finora rifiutata, di una nuova candidatura unitaria, che eviti il danno di una dispersione dei consensi all’interno del campo dei cittadini impegnati per il cambiamento, potenzialmente maggioritario.

Confesso che il mio rientro nella politica tradizionalmente intesa, dopo otto anni di impegno sociale e culturale dal basso, è stato drammatico. Ora sono pienamente consapevole che l’obiettivo che mi ha sempre mosso, quello della riforma dei partiti e della loro apertura alla società, deve fare i conti con quella che purtroppo è la realtà: oggi sopravvivono i resti disperati di un sistema che ha condotto allo smantellamento inesorabile di una politica ormai screditata agli occhi dei cittadini.

Il mio atto non è però di abbandono, anzi: ho deciso di lavorare per costituire il movimento “La Buona Onda”, con l’obbiettivo di costruire insieme alle tante altre associazioni -a partire da “Altra Liguria”, che con tanto calore mi ha accolto- e a tutte le persone interessate la “coalizione civile, sociale e popolare” della Liguria. Una grande forza civica organizzata, radicata nei territori, che collabori con le forze di base e civiche che si battono per un cambiamento radicale. Durante la campagna elettorale stimoleremo il dibattito pubblico con interventi sui principali problemi della regione. Costruiremo un osservatorio sulle politiche regionali, con proposte specifiche e un monitoraggio stretto di chi governerà. Soprattutto ci impegneremo per una cultura politica nuova, che potrà supportare la nascita di liste civiche di cambiamento alle elezioni future e rafforzare un processo dal basso come contributo della Liguria alla coalizione sociale che sta crescendo nel Paese. La “Buona Onda” di entusiasmo, di centinaia di proposte di programma che mi sono arrivate, testimonia che la voglia di un cambiamento radicale è molto forte. “La Buona Onda” organizzerà questa spinta genuina e popolare: non è una scelta di testimonianza, ma ha lo spirito di una alternativa di governo.

Un grazie di cuore alle migliaia di persone che in questi giorni hanno voluto manifestarmi affetto e vicinanza politica, a “Altra Liguria”, ai Verdi e soprattutto agli amici del “gruppo di San Torpete”, i primi a credere in me.


COMUNICATO STAMPA  - L’ALTRA LIGURIA

 

In questi giorni abbiamo avuto modo di leggere sui giornali ed ascoltare interviste televisive in cui si riporta una verità distorta circa le trattative intercorse tra L’Altra Liguria ed alcuni componenti di Rete a Sinistra, sulle elezioni regionali. Prendiamo atto della scorrettezza di chi aveva proposto di non fornire informazioni alla stampa che non fossero concordate, ma vorremmo poter spiegare la nostra versione dei fatti.

Crediamo sia ormai comunemente noto che la candidatura di Giorgio Pagano per la presidenza della Regione Liguria sia maturata nell’ambito ristretto di un gruppo di persone facenti riferimento a Don Farinella, e non è pertanto stata “calata”, né, tantomeno, imposta da L’Altra Liguria. 

Dopo la proposta emersa in quell’ambito ristretto, e dopo aver ascoltato il comitato territoriale di La Spezia, abbiamo organizzato tre incontri per consentire ai nostri soci e simpatizzanti di conoscere Giorgio Pagano prima dell’inizio della procedura di votazione online, votazione che lo ha poi indicato come candidato preferito dai nostri soci e dai firmatari del nostro appello.

Oltre che da noi Giorgio Pagano è sostenuto dai Verdi, da una Rete di Liste Civiche, da Rifondazione Comunista, dal Partito Comunista d’Italia, da un gruppo eterogeneo di persone della cosiddetta società civile e da una parte di SEL. Nel corso di una riunione che si è tenuta mercoledì scorso è risultato chiaro che contrari alla candidatura sono solo il gruppo di civatiani ed una parte di SEL, rendendo dunque del tutto incomprensibile la richiesta di trovare altri candidati in quanto Pagano sarebbe “divisivo” .

La realtà dunque è totalmente ribaltata rispetto a quanto dichiarato da Stefano Gaggero a PrimoCanale: non è L’Altra Liguria ad aver rifiutato la proposta, ma è stata una parte minoritaria di Rete a Sinistra a non voler sostenere Pagano che, lo ripetiamo, non è il nostro candidato ma è sostenuto da una varietà ben più ampia di soggetti che comprendono partiti e società civile. Questo per noi rappresenta correttamente lo spirito con cui è nata L’Altra Europa con Tsipras di cui L’Altra Liguria è la continuazione.

GENOVA, 15 marzo 2015


L'Altra Liguria rompe gli indugi:  Giorgio Pagano il più votato come candidato Presidente per la Regione.

L'Altra Liguria da tempo propone la costruzione di un'area politica anti neoliberista in grado di elaborare un programma per la Liguria che sia alternativo a quello di centrodestra e centrosinistra e possa rappresentare una rottura con la precedente amministrazione mettendo al centro la lotta contro le privatizzazioni e contro le grandi opere, contro l'esclusione sociale e per una diversa gestione del territorio.

Durante questi mesi abbiamo lanciato un appello e lavorato ad un programma condiviso attraverso un metodo partecipativo che abbiamo adottato anche per selezionare i possibili candidati  sia per la Presidenza che per il Consiglio Regionale. Il sistema di selezione delle candidature è stato  concluso oggi e Giorgio Pagano è risultato il candidato più votato, seguito da Antonio Bruno, Domenico Finiguerra e Pier Giorgio Pavarino. 

A questo punto per l'Altra Liguria bisogna mettere in moto in maniera unitaria il progetto politico necessario al cambiamento della nostra Regione, per questo siamo disponibili da subito a collaborare alla formazione di una lista che, in coalizione o unitariamente, partecipi alle prossime elezioni regionali.

Ufficio Stampa l'Altra Liguria


L'Altra Liguria invita alla partecipazione dell'importante incontro in preparazione del Social Forum Mondiale di Tunisi. 

In collaborazione con l'Altra Liguria, il Gruppo consiliare comunale Federazione della Sinistra organizza     

Martedì 10 marzo 2015 alle ore 17,30 al Teatro Altrove, in Piazzetta Cambiaso 1 Genova

 

GENOVA - TUNISI - GENOVA

 

in preparazione del Social Forum Mondiale 2015 che si terrà, dopo quello del 2013, nuovamente a Tunisi nei giorni dal 24 al 29 marzo; prosegue un lungo percorso che- a 14 anni dal G8 di Genova e del primoWord Social Forum svolto a Porto Allegre- ha l'obiettivo costante di contrasto a guerre, spese militari, fame, disastro ambientale, diseguaglianze, povertà endemica, razzismi...ecc.


L'Altra Liguria e i Centri sociali per la condanna al fascismo della Lega Nord, un dialogo sempre aperto.

 

Genova 8 Marzo 2015 - La Lega Nord, in versione 'felpetta nera', era ieri a Genova con Matteo Salvini per presentare il candidato, alla presidenza della Regione Liguria, Edoardo Rixi (attualmente sotto accusa della Magistratura per lo scandalo delle spese pazze in Regione).

 

L'intervento del nuovo segretario della Lega Nord sembra convincere di poter fare dimenticare i danni provocati dalla Lega di Maroni, ministro sodale della destra neoliberista in doppio petto dei governi Berlusconi-Fini, che in rappresentanza di imprese multinazionali e finanziarie hanno imposto una competizione dei mercati senza freni, distruttrice di solidarietà sociale e ambiente in totale dispregio della Costituzione italiana.

 

La Lega Nord nella nuova versione sfoggia il linguaggio xenofobo, omofobo e razzista di sempre, ora vi aggiunge il senso antieuropeista non più secessionista padano, ma nazionalista lepeniano e quindi neofascista.

 

A questi fatti non c'è stata una condanna da parte della stampa democratica; sembra che a Genova e in Liguria si sia dimenticato lo spirito critico del lontano 1960, quando i lavoratori e i cittadini genovesi insorsero contro lo svolgimento di un congresso dei fascisti del Movimento Sociale.

A manifestare attivamente contro la politica della Lega Nord in versione fascista, e dunque a onorare Genova medaglia d'oro della Resistenza antifascista, sono sono stati solo i Centri sociali, questo dispiace.

 

Noi di l'Altra Liguria, formazione politica di base, tenacemente impegnati a far cambiare in senso solidaristico, cooperativistico ed ecologico, le attuali politiche neoliberiste della Regione Liguria, tenteremo come sempre ogni possibile occasione di dialogo con queste attive realtà dei Centri sociali e ribadiamo lo stesso sentire contro la Lega Nord.

 


COMUNICATO STAMPA

L’ALTRA LIGURIA CONTRARIA ALLO SPACCHETTAMENTO DI FINCANTIERI

3 marzo 2015

I cantieri navali di Riva Trigoso impiegano circa 500 persone nell’area navale e 200 nella meccanica, settori entrambi importanti per la produttività dell’azienda.

Ora, pur in mancanza di comunicazioni ufficiali, da indiscrezioni ed anticipazioni di stampa si affaccia un piano di cessione dell’area meccanica ad una società esterna, dopo che nel 2011 era stata prospettata la chiusura dello stabilimento. È evidente che si tratta di un giochetto volto, da una parte, a far digerire il rinnovo di un contratto integrativo aziendale che chiede sempre più ai lavoratori, dall’altra ad aprire la strada alla svendita dell’Azienda.

L’Altra Liguria è contraria a queste manovre, portate avanti con scarsissima trasparenza, che rischiano di indebolire l’Azienda, e chiede che si apra un confronto serio e costruttivo tra Azienda e Istituzioni, mettendo al centro la salvaguardia dei posti di lavoro e le attività produttive. Non è accettabile che il settore navale italiano venga continuamente messo in crisi dalla mancanza di un piano industriale serio che non sia rivolto solo alla necessità di mettere pezzi sul mercato per ottenere liquidità.
Esprimiamo inoltre apprezzamento per l’intervento dei sindaci del Tigullio e solidarietà ai rappresentanti della FIOM che giovedì saranno impegnati in un incontro che speriamo possa essere proficuo per i lavoratori.


COMUNICATO STAMPA - 1 MARZO 2015

Invito alla partecipazione

 L’Altra Liguria sta elaborando per le regionali un programma fortemente caratterizzato dalla difesa ambientale e tutela del territorio, che diventano volano di sviluppo e base per la creazione di nuovi posti di lavoro di qualità. Nostro obiettivo è una legge urbanistica regionale che imponga il blocco al consumo di suolo, l’opposizione alle grandi opere, la tutela della bellezza del nostro territorio, la valorizzazione dell’entroterra e delle produzioni agricole, la lotta contro lo Sblocca Italia.

Per questo riteniamo che il Piano Urbanistico Comunale in votazione debba accogliere le osservazioni di chi si oppone allo scempio del territorio.

Noi ci saremo, in solidarietà ai consiglieri che si stanno opponendo al progetto del Nuovo Galliera, alla Gronda ed al Terzo Valico, alla cementificazione di Terralba, al Progetto di Corso Sardegna ecc..

Martedi 3 marzo ore 14:00 al Consiglio Comunale

Tutta la cittadinanza è invitata.


Comunicato stampa 19 Febbraio 2015

La sanità in Liguria è in una situazione difficile. I continui tagli alla spesa operati dal governo stanno mettendo a rischio i servizi sanitari. Nella nostra regione la programmazione sanitaria e la riorganizzazione dei servizi non brilla certo per l’efficacia degli interventi, nonostante ciò la giunta regionale, a pochi mesi dalle elezioni, si è preoccupata di far approvare una legge che consenta ai primari di svolgere la libera professione anche fuori dalle mura ospedaliere (fino ad ora i Primari potevano svolgere solo attività in intramoenia).

Un regalo a chi non ne ha certo bisogno, totalmente fuori luogo e sbagliato e che, evidentemente, serve solo a garantirsi consenso per le prossime elezioni regionali. 

L’Altra Liguria, che difende la sanità pubblica e l’assistenza universalistica è assolutamente contraria a questo provvedimento ritenendo  invece che la libera professione andrebbe limitata il più possibile anche per consentire l’accorciamento delle liste di attesa.(LEGGI TUTTO E CONDIVIDI)

L’Altra Liguria – Gruppo Sanità 

Per informazioni e contatti:

info@altraliguria.it 

Simonetta Astigiano 3311145892


COMUNICATO STAMPA - 18 GENNAIO 2015

Lavoratori ex Provincia di Genova.

L'Altra Liguria denuncia il DdL 56/2014 -firmato Delrio- di riforma che prevede la chiusura delle Province quale provvedimento che non taglia spese superflue o elimina sprechi ma, oltre a interrompere un elemento di democrazia diretta- fornendo dei nominati alla gestione delle varie competenze- rischia di non garantire i servizi ai cittadini e soprattutto crea ulteriori problemi ai lavoratori precari, creati dalle stesse istituzioni.

 

In questo delicato momento di passaggio delle competenze dell'ex Provincie alle costituenti Città Metropolitane, si chiede la massima chiarezza sul passaggio delle funzioni che prevede un processo di riordino delle stesse.

Di fatto si può già prevedere che, quella che sarà la struttura della cosiddetta Città Metropolitana, non riuscirà a garantire le funzioni già delegate dalla Regione Liguria. Dove sono gli stanziamenti utili a recuperare servizi e lavoratori?

700 dipendenti più altri 500, che lavorano nei servizi in appalto, aspettano delle risposte che non si vedono. Il sindaco Doria e il presidente della Regione Liguria Burlando nel frattempo osservano la Provincia morire senza che decidano cosa fare della Città Metropolitana. Sembra che nessuno sappia dire quali siano le funzioni proprie e quali quelle delle altre istituzioni.

Siamo in un bel pasticcio. Intanto sono stati cancellati ai lavoratori i 'buoni pasto', sono stati effettuati molti trasferimenti, con esodi e cambio orario, dal carattere punitivo; nonostante ciò val bene ricordare come gli operai della manutenzione strade erano in prima fila a spalare fango durante l'alluvione passata.

Il DdL di riforma di Delrio, stabilisce che '...ciascuna città metropolitana succede a titolo universale in tutti i rapporti attivi e passivi (comprese le entrate provinciali) della provincia cui subentra. Le risorse della città metropolitana sono date dal patrimonio, dal personale e dalle risorse strumentali della provincia medesima'.

In questo senso si chiede che nessuna risorsa venga smantellata specialmente nel patrimonio umano rappresentato dal personale che attualmente vi lavora. Con i lavoratori c'è tutto un sistema di servizi che rischia di essere cancellato.

L'Altra Liguria sarà a fianco dei lavoratori e attenta a che ciò che accade.