Atti degli  incontri-dibattito con note integrative per sviluppo di iniziative di approfondimento sui temi specifici

di Luigi Fasce

 

Festa Popolare a  Frisolino di Nè

da sabato 11 agosto fino al 14 agosto

 

Programma degli  incontri e dibattiti sull'attualità politica.

•               All'apertura della festa, sabato 11 agosto alle ore 18, Simonetta Astigiano (L'Altra Liguria)

•               tema: 'Sanità in Liguria: il neoliberismo all´opera'.

•               Domenica 12 agosto, alle ore 18, presentazione del libro di Diego Angelo Bertozzi:

•               LA BELT AND ROAD INITIATIVE  - 'La nuova via della seta e la Cina Globale'.

•               Con partecipazione dell’Autore e di Marco Pondrelli (della redazione di Marx21.it).

•               Lunedì 13 agosto Francesco Garofalo 

•               Tema  'I media e la manipolazione delle informazioni'.

•               Martedì 14 agosto  interventi di Danilo Zannoni (L'Altra Liguria): 'Ambiente e Lavoro una sinergia vincente',

•               Nicola Rollando  (Potere al Popolo Tigullio-Paradiso): 'Ambiente ed economia contadina'.

•               In conclusione Marco Bertani (Assessore all’Agricoltura del Comune di Né):

•               Tema 'L'agricoltura a Né per costruire un futuro sostenibile'.

Gli incontri e i dibattiti pubblici sono moderati da Luigi Fasce .

 

 

•               sabato 11 agosto alle ore 18, Simonetta Astigiano (L'Altra Liguria)

•               tema: 'Sanità in Liguria: il neoliberismo all´opera'.

Marco Bertani porta i saluti

Luigi Fasce ricorda che la filosofia che sottende le tematiche individuate (altre ne affronteremo nel prossimo autunno) si può definire GLocale  e introduce sottolineando l’estrema importanza del tema fortemente oramai minato sotto i colpi del  neoliberismo.

In allegato escursus storico della riforma sanitaria e il percorso della contro riforma.

Ne segue un ampio dibattito che si conclude con la necessità di contrapporsi all’attuale trend neoliberista intrapreso anche  in Liguria dalla giunta Toti con la messa a bando per la privatizzazione di tre ospedali del Ponente Ligure: Cairo Montenotte, ..., … .

•               Domenica 12 agosto, alle ore 18, presentazione del libro di Diego Angelo Bertozzi:

•               LA BELT AND ROAD INITIATIVE  - 'La nuova via della seta e la Cina Globale'.

•               Con partecipazione dell’Autore e di Marco Pondrelli (della redazione di Marx21.it).

 

Considerata la complessità del tema per migliore introduzione possibile riporto scheda libro

< Descrizione

Situata in mezzo al Mediterraneo, vale a dire il terminale occidentale della Via marittima della seta del XXI secolo, l'Italia, grazie ai suoi porti e alle sue ferrovie, è considerata dai leader cinesi una risorsa fondamentale per la realizzazione complessiva della Belt and Road e il successo dei collegamenti con l'Europa centrale, orientale e settentrionale.

Tutte le strade porteranno a Pechino? Aveva ragione Mao quando ammoniva che il "vento dell'Est" avrebbe prevalso su quello dell'Ovest? Potremmo rispondere positivamente se guardassimo al treno merci (chiamato proprio "East Wind") che, proveniente dal gigantesco bazar di Yuwu, nel gennaio del 2017 ha raggiunto Londra al termine di un viaggio durato sedici giorni lungo un percorso di 7500 miglia attraversando, prima di correre lungo il canale della Manica, Kazakistan, Russia, Bielorussia, Polonia, Germania, Belgio e Francia. Ufficializzato dal presidente Xi Jinping alla fine del 2013, quello della Nuova via della seta ("Belt and Road Initiative") è certamente il progetto strategico più importante ideato dalla Cina popolare, tanto da essere considerato da taluni come il più ambizioso della storia o da altri, più prosaicamente, una sorta di piano Marshall in variante cinese per sviluppare infrastrutture in Asia e lungo tutta la massa continentale euroasiatica (ma non solo!). E per questo guardato con sospetto e preoccupazione in Occidente, come una vera e propria sfida egemonica destinata a riscrivere le regole generali e a modificare gli sviluppi del processo impetuoso della globalizzazione, dando maggiore peso alle richieste e alle esigenze dei Paesi in via di sviluppo, ancora impegnati nella lotta contro la povertà.>

 

Marco Bertani porta i saluti.

Luigi Fasce passa subito la parola al presentatore del libro Marco  Pondrelli per l’arduo compito di inquadrare tale tema complesso.

Il quale avvia il discorso facendo  un esempio che apparentemente sembra fuori tema: quello del divorzio della banca D’Italia dal Tesoro (1981 Governo Forlani – Beniamino Andreatta ministro Tesoro e presidente Bd’I Carlo Azeglio Ciampi. Data di avvio della distruzione dell’ economia in Italia. Che negli anni a seguire  porterà alla instaurazione del modello economico neoliberista. Sotto questo profilo si  può affermare che questo processo in Cina non sia avvenuto tanto che si potrebbe parlare di una alternativa con l’attuazione di un peculiare  modello economico di tipo misto. Al dispiegamento di imprenditorialità del libero mercato  di cui tuttavia il Partito comunista mantiene la regia che  con piani quinquennali orienta su settori strategici.

Una informazione significativa quella che in Cina esistono almeno 8 o 9 partiti ovviamente tutti quanti riconoscendo il primato del sistema comunista cinese, da capire attualmente quale sia.

Un’altra importante acquisizione è che a dire dell’Autore il Partito comunista cinese è fortemente patriottico, il cui l’elevato nazionalismo patriottismo è stato verificato neli anni 70 del 900  in occasione delle con Formosa sobillate dagli USA. In tale occasione il Partito comunista cinese  ha persino riconosciuto il regime cattofascista-neoliberista  del Cile di Pinochet per impedirne il riconoscimento di Formosa. Pienamente consapevole che in Cile si stava compiendo il  massacro di comunisti cinesi.  

Attualmente, in positivo, da parte della Cina comunista c’è una lettura dei diritti umani più ampio di quella dei diritti civili che presuppone un allargamento ai diritti sociali (posizione riconosciuta dall’ONU) che possiamo considerare acquisita dalla nostra Costituzione di cui all’Art. 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

E’ stato solo sfiorato il ruolo della Cina nella costituzione dei Brics, circuito alternativo della finanziarizzazione mondiale monopolio di BM, FMI, WTO. Per questo vedasi parte specifica del mio libro “Politiche costituzionali per le riforme.

Questi i risvolti che sotto il profilo politico ci devono  servire per la nostra riflessione in generale e nello specifico la presa di coscienza che il  modello economico prescritto  e attualmente rimosso della Costituzione italiana è presumibilmente il modello – “via di mezzo” e “non terza via” – che con le dovute declinazioni locali dovrebbe essere adottato nel mondo intero.

Il resto della presentazione del libro è quella indicata nella scheda del libro sopra indicata che attiene la geopolitica  ovvero l’espansionismo cinese di cui “la via della seta”  Cina puntalizza  il percorso, promuovendo economia reale costruendo  infrastrutture monopolizzando porti come per esempio quello del Pireo in Grecia, e da cui speranze di pace ma anche timori di un nuovo colonialismo financo imperialismo cinese nel 21 secolo.

 

 

Il primo significativo  intervento di Costanza Matteini che ha avviato il dibattito è stato avvio del dibattito è stato sul ruolo della Cina sulle politiche  ecologiche di portata oramai mondiale. 

La risposta è stata quella che i tempi del gravissimo inquinamento in Cina che ha aderito a COOP21 sono attualmente  in fase di superamento e che anzi siano in atto virtuosi programmi e interventi di conversione alle energie alternative e dunque al  contenimento dell’effetto serra di notevole portata.

Roberto Pardini ha posto  la domanda politicamente di fondo: ma Lenin in Cina è ancora un punto di riferimento ? Difficile la specifica risposta che risiede nell’ampia elaborazione del complesso e problematico processo del modello  cinese.

Madri e i Padri costituenti nel 1948 nella Costituzione hanno già tracciata la via italiana al socialismo.

 

•               Lunedì 13 agosto Francesco Garofalo (Marx21)

•               Tema  'I media e la manipolazione delle informazioni'.

Marco Bertani porge saluti e introduce tema.

Luigi Fasce avvia la presentazione avendo  trattato a fondo l’argomento con un capitolo del suo libro appena pubblicato dal titolo “Dai persuasori occulti alla strategia del consenso” .

Ricorda che questo argomento è assolutamente attinente a quanto ci ha insegnato Antonio Gramsci a proposito di “Egemonia culturale”, non più quella antica cattolica a cui si riferiva negli anni 30 della quale si doveva tenere conto, bensì quella programmata negli ultimi 30 anni da Stampa, dalla plutocrazia (fulcro USA “Cicago Boys e  conculcata  la lezione in ogni Università) , poi che riversata dagli anni 80 anni su  Stampa, riviste e TV  che ha condizionato la mente delle masse (compresa la classe operaia) che si sono viste trasformare in personalità egoistiche individualistiche meramente dedite al consumismo.  Fenomeno di massa ben definito dal mio illustre collega psicologo del lavoro Luigi Ferrari nel suo libro “Individualismo economico”.

Marco  Pondrelli presenta il relatore aprendo il tema ricordando che per mantenere il potere l’informazione è una leva centrale. Poi aggiunge esempi specifici sulla manipolazione dell’informazione come quella che   abbiamo subito leggendo notizia sui delitti efferati de l presidente della Corea del Nord il quale avrebbe fatto assassinare freddamente collaboratori per futili motivi, poi rivelatisi falsi. Elenca le false informazioni succedutesi su eccidi di con gas nervino da parte al presidente Assad in Siria. Sempre rivelatesi false.

Francesco Garofalo prende la parole e avvia il discorso sul tema con una citazione del libro di Domenico Losurdo “La sinistra assente” (ancora di assoluta attualità, scomparso alcuni mesi orsono e relatore nella precedente festa 2017 a Frisolino)

(http://domenicolosurdo.blogspot.com/2014/11/una-recensione-de-la-sinistra-assente.html)

Francesco Garofalo avvia il discorso sul tema concentrandosi sugli aspetti della tecnicità raffinata della comunicazione che presuppone ingenti risorse economiche e complesse strategie ma che per coloro che hanno un potere economico enorme è tutt’ora in atto.

Tuttavia è anche in atto una azione di contro informazione e di dissalamento di questa complessa trama

Una citazione importante quella su Chomsky a proposito delle 10 regole di mistificazione e distorsione della comunicazione.

Citazione particolarmente gradita perché inserita nel mio libro.

Segnala anche in positivo nuclei di resistenza politica nel mondo come Sanders negli USA, Corbyn in Inghilterra

Resta il problema italiano del come reagire sul piano della informazione.

Per quanto riguarda Potere al Popolo occorre lavorare sul significato della comunicazione e recuperare messaggi che erano della sinistra.

 

Segue dibattito

Rino Vaccaro  mette al centro il dibattito avvenuto all’interno de il manifesto su Actions dissolve e poi ricorda Assange che ha scoperchiato la pentola della manipolazione dell’informazione da parte dei governi USA.

Garofalo riprende discorso su Assange e l’importanza della funzione disvelatrice di WikiLeaks

 

(https://abcnews.go.com/International/wikileaks-julian-assange-evicted-ecuador-embassy-providing-asylum/story?id=56808551

Di cui Assange sta soffrendo le  ritorsioni sulla base di accuse palesemente  false.

 

Andrea Remagnino Ricorda che siamo nella fase in cui stiamo assistendo a un salto di qualità, alla distorsione delle informazioni si aggiungono  pesanti azioni repressive. Dobbiamo creare mezzi di comunicazione. Afferma di essere molto interessato ad approfondire l’argomento ai fini delle campagne elettorali.

Dobbiamo rilevare attualmente un ribaltamento del pensiero neoliberista che si esprime con l’attacco alla Europa che si fonda su questa ideologia. Ma è la destra nazionalista che se ne fa portavoce … dobbiamo essere noi a con tutt’altra logica a contestare questa Ue di banche e finanza.

Il meccanismo si sta rompendo ci sono segnali in questo senso da parte di Sanders negli USA e  di Jeremey Corbyn in Inghilterra. 

Marco Garofalo

A proposito di crepe … alla lunga i falsificatori della realtà si vedono erodere il consenso, un solo esempio La Repubblica sta perdendo credibilità e sta perdendo continuamente lettori.

Fasce Luigi chiude rilevando la grande utilità del dibattito sul tema.

 

•               Martedì 14 agosto  interventi di Danilo Zannoni (L'Altra Liguria): 'Ambiente e Lavoro una sinergia vincente',

•               Nicola Rollando  (Potere al Popolo Tigullio-Paradiso): 'Ambiente ed economia contadina'.

•               In conclusione Marco Bertani (Assessore all’Agricoltura del Comune di Né):

•               Tema 'L'agricoltura a Né per costruire un futuro sostenibile'.

Fasce motiva la permanenza del  discussione tematica  in quanto fortemente attinente al luttuoso evento che ha colpito Genova con il crollo catastrofico

del ponte autostradale sul Polcevera.

Si procede con ribaltamento dei relatori per questioni organizzative e per l’assenza del relatore Nicola Rollando causa informazione errata per la quale si riteneva a soppressa la giornata del 14 compreso dibattito,e dopo chiarimenti necessari , abbiamo acquisito la sua relazione scritta di cui a allegato.

Dopo preliminare mesto ricordo della tragedia in corso e annunciato  il lutto della Festa Popolare con soppressione della serata danzante,

Marco Bertani inizia la sua relazione sul Tema 'L'agricoltura a Né per costruire un futuro sostenibile'.

Per un escursus storico vedasi

[flv:http://www.bibliodelmandillo.net/wp-content/uploads/media/Intervista_a_Hugo_Plomteux.flv 320 240]

Il libro “CULTURA CONTADINA IN LIGURIA, la Val Graveglia, di Hugo Plomteux, Sagep, 1980

 

Val Graveglia valle chiusa e con anche con mentalità chiusa che solo in questi ultimi anni con un ampliamento  della strada provinciale ci mette direttamente  in contatto con la costa.

Un misto di vita contadina con anche attività lavorative di segno opposto come , la più nota quella di Gambatesa, per l’estrazione del manganese ,oramai chiusa e trasformata in Museo con qualche attrattiva turistica non ancora sufficientemente valorizzata, ma anche con cave di marmo e ardesia.

L’attività contadina conta il più alto numero di aziende agricole a conduzione familiare iscritte alla Camera di commercio, le quali per sopravvivere hanno dovuto ingegnarsi integrando attività di vendita diretta dei prodotti della terra  nel mercatino aperto una volta alla settimana a Conscenti davanti alla sede del Comune di Né. . Il mercatino,  ideato  dopo mia esperienza fatta in Nicaragua. Apertura avvenuta dopo aver superato rigidità mentali e mediante consulenza giuridica approvato con delibera consigliare e con un suo regolare statuto.

Dobbiamo altresì sottostare a una miope burocrazia che risale alle normative Ue non tanto per il contenuto in sé quanto dalla cattiva e restrittiva applicazione della normativa italiana che non prevede una declinazione modulata sulle esigenze dei nostri diversificati, variegati territori esistenti.

Dunque per l’agricoltura in Italia non essendoci cultura agricola dovremmo ripartire pressoché da zero. Anche qualche legge valida come quella sulla montagna (vedasi documentazione riportata sotto) che non viene applicata ma forse  nemmeno conosciuta da assessori e responsabili del settore in Regione Liguria. La soppressione delle Comunità montane  e lo smantellamento delle funzioni in ambito agricolo, ma anche della manutenzione delle strade da parte  della Città metropolitana, sono  ulteriori aggravamenti delle nostre difficoltà.

Altra attività integrata  l’Agriturismo (alloggio ai turisti da imprenditori agricoli".

agevolata dalla Legge nazionale agriturismo

Testo integrale della nuova legge di disciplina dell'agriturismo. La legge è stata promulgata il 20 febbraio 2006 ed è comparsa sulla Gazzetta Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2006.

 

http://www.astrid-online.it/static/upload/protected/regl/regliguria_lr-07_04_2015-n12.pdf7 apr 2015 ... Modifiche alla legge regionale 24 maggio 2006, n. 12. (Promozione del ... di utenza, sulla base di quanto indicato nel nomenclatore nazionale.

La tutela della cultura contadina garantisce la qualità dei prodotti  quale valida  alternativa alla produzione prodotti industriali, certo a basso costo ma al prezzo dello sfruttamento dei lavoratori e con forte danno ambientale per l’alto contenuto di pesticidi che causa l’ alto tasso di inquinamento dei terreni e falde acquifere con pesanti ripercussioni  sullo stato della  nostra salute.

Il  palazzo del Comune di Né è dotato di pannelli fotovoltaici così come la Biblioteca scolastica comunale.

 

Fasce Luigi,  dall’ascolto della relazione mi pare di avere individuato due filoni di sviluppo per  il prossimo futuro

A)             Promozione di turismo locale con visite guidate sulla cultura contadina e a agriturismo della Valle.

B)             Sviluppare le energie alternative pulite facendo della Val Graveglia la valle del solare.

Penso che a questo proposito qualche spunti significativo potrà venire dalla prossima relazione  di  Danilo Zannoni  “'Ambiente e Lavoro una sinergia vincente'.

 

Zannoni Danilo

(allegata relazione scritta)

 

Dibattito

Gabriele Cecchino

Come lavoro per vivere opero nel campo della costruzione di centrali elettriche, come hobby lavoro nei campi.

Segnalo  l’esperienza a Bologna e Napoli  di “geniuno clandestino”. Sono pessimista sul futuro dell’agricoltura contadina tuttavia dobbiamo lo stesso impegnarci a fondo.

Antonio Lupo

Cita l’organizzazione mondiale dei “senza terra” che a partire dal Brasile duecento milioni di contadini associati  in tutto il mondo.

Ricorda che il surriscaldamento globale è già da tempo in atto: ha interrotto la corrente del Golfo.

Crea sterilità della terra e qui il compito importante dei contadini di farla ridiventare  fertile.

Claudio Culotta

Ricorda che difformemente da quanto è senso comune, nel mondo,   il 70% della produzione di prodotti dell’agricoltura deriva da piccole aziende a conduzione familiare.

Se è certamente importante l’impegno politico  in questo settore, e in occasione delle ultime elezioni regionali nel  programma elettorale di L’Altra Liguria era previsto un progetto per lo sviluppo dell’agricoltura contadina, è anche importante considerare il peso del consumatore il quale limitando gli acquisti ai supermercati dei soliti marchi  può determinare con le sue scelte un rilevante contributo alla produzione contadina rivolgendosi alla filiera dell’ecosolidale.

Anche come risparmiatore si può dare una mano scegliendo la Banca Etica.

 

Fasce chiude l’evento evidenziando la grande rilevanza delle acquisizioni scaturite dai relatore e degli intervenuti al dibattito,  foriero di ulteriore elaborazione di un grande progetto.

Riferimenti legge sulla montagna

legge n.97 del 1994 sulla montagna e le zone montane

http://www.softwareparadiso.it/studio/lex-montane.htmSi riporta la legge sulle zone montane n.97/94.

 

Documentazione

1.             citano approvazione “legge sulla montagna ...

https://www.madonielive.com/2017/08/01/20-comuni-sollecitano-approvazione-legge-sulla-montagna/1 ago 2017 ... Polizzi Generosa, Gangi (foto), Geraci Siculo, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Blufi, Alimena, Bompietro, Castellana Sicula, Caltavuturo, ...

2.             Approvata la legge per la montagna - Irealp

http://www.irealp.it/1203,News.htmlSburocratizzazione e maggiore libertà di movimento per chi risiede, lavora e imprende in montagna. Ecco come la legge sulla montagna approvata alla Camera ...

3.             Legge sulla montagna e istituzione delle zone franche montane a ...

https://it.blastingnews.com/ambiente/2018/01/legge-sulla-montagna-e-istituzione-delle-zone-franche-montane-a-petralia-sottana-002284177.html11 gen 2018 ... Il tema della fiscalità di sviluppo quale generatore di benessere e motore dell' economia per le aree montane siciliane sarà al centro della ...

4.             Sgravi fisdcali alla montagna - Ruralpini

http://www.ruralpini.it/Inforegioni09.02.10.htmInforegioni/ Sgravi fiscali alla montagna? ... il testo della legge 'sulla montagna' ... (09.02.01) Una legge che andava nel senso della deburocratizzazione e della ...

Ricerche correlate a Legge sulla montagna

•               LEGGE DI BILANCIO 2018

Ricerche Correlate

•               la nuova legge sulla montagna e le prospettive

•               Montagna

•               20 Comuni sollecitano approvazione “legge sulla montagna

•               Approvata la legge per la montagna

•               Sgravi fisdcali alla montagna

•               LEGGE 31 gennaio 1994

•              

•               LEGGE DI BILANCIO 2018

•               TUTTE LE MISURE PER MONTAGNA

•               Piccoli Comuni di montagna

 

Cronologia Di Ricerca

•               Legge sulla montagna

•               https://comune-info.net/2018/07/cambiare-il-mondo-con-agricoltura-contadina/

•               Brixelle

•               legge Regione Liguria in applicazione di legge nazionale del 2006 su agriturismo

•               legge su agriturismo

 

Link pertinenti di grande interesse segnalati da Claudio Culotta

 

Cambiare il mondo con l'agricoltura - Comune-info

https://comune-info.net/2018/07/cambiare-il-mondo-con-agricoltura-contadina/

25 lug 2018 ... Perché abbiamo bisogno di agroecologia e di agricoltura contadina. Articolo di Patrizia Gentilini.

 

Cambiare il mondo con l'agricoltura - My Blog Fabio Manzione

http://www.fabiomanzione.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7077:cambiare-il-mondo-con-l-agricoltura&catid=10&Itemid=101

5 giorni fa ... ... principali chiavi per la soluzione del problema. (...) L'articolo: https://comune- info.net/2018/07/cambiare-il-mondo-con-agricoltura-contadina/